Contenuto Principale
Ricerca / Colonna destra

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Nome:
Email:
Ripeti: battipagliaonline

POLITICHE SOCIALI SUL TERRITORIO PROVINCIALE, APPELLO DELLA CISL SALERNO PER ATTUARE UNA MIGLIORE PROGRAMMAZIONE DEL WELFARE LOCALE

 “Con i fondi destinati annualmente ai Piani di Zona della provincia di Salerno si potrebbe avere una migliorare quantità e qualità dei servizi e dell'assistenza alle persone. Si tratta di stanziamenti che andrebbero utilizzati sempre più per migliorare la qualità della vita di tanti anziani e, nello stesso tempo, creare nuovi posti di lavoro. Serve, per questo, una maggiore trasparenza in tutti gli Ambiti territoriali”. È quanto dichiara Giovanni Dell'Isola, segretario generale della Fnp Salerno, intervenuto sulla questione delle politiche sociale.

“La provincia di Salerno non può permettersi di lasciare inutilizzato nemmeno un euro delle risorse destinate alle fasce più deboli della popolazione. Voglio ricordare che - ha aggiunto Dell'Isola - l'80% degli anziani del salernitano vive con pensioni al di sotto della soglia di povertà: è inaccettabile che si tolga a queste persone anche il diritto alla cura e all'assistenza. A nostro avviso serve potenziare i servizi di assistenza domiciliare, favorire la presenza di una rete di servizi differenziati in grado di offrire risposte personalizzate, approfondire le conoscenze sulle domande di cura degli anziani, realizzare un sistema integrato di servizi cui partecipino non solo gli attori pubblici ma anche le  organizzazioni di volontariato e del terzo settore, offrire attività di volontariato di utilità sociale e sostenere le famiglie con persone non-autosufficienti”.

L'obiettivo, dunque, è attuare una vera progettualità a medio e lungo termine per un nuovo welfare, a cui le organizzazioni sindacali possano dare un grande contributo con un percorso di concertazione che non sia solo di facciata. “Per questo motivo - ha affermato Gioacchino Bartiromo, responsabile del dipartimento politiche sociali della Cisl Salerno - abbiamo chiesto a tutti i responsabili dei Piani di zona, insieme a Cgil e Uil, la rendicontazione dei fondi utilizzati negli ultimi due anni ed il numero delle persone assistite, in quanto molto spesso non si intercettano i veri bisogni della persone perché non c’è una mappa aggiornata e veritiera di ciò che occorre. Saremo molto vigili sull’utilizzo delle risorse affinché si garantiscano al nostro territorio servizi sociali efficienti”.

 

 

FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information