Contenuto Principale
Ricerca / Colonna destra

Iscriviti alla Nostra Newsletter

Nome:
Email:
Ripeti: battipagliaonline

GHOST WAR: AL MOA L’ART MUSIC DI GIGI SQUILLANTE

Il 31 ottobre, a Eboli, il MOA – Museum Operation Avalanche – racconta la paura, i fantasmi della guerra, tra mille performance artistiche.

Molto di più di un party, il museo dello sbarco diviene luogo di suggestive evocazioni, abilmente richiamate dalla musica, dal teatro e dalla visual art.

Installazioni artistiche nel chiostro della trinità, nei corridoi, nelle sue sale, nel museo.

E’ questa la novità: l’art music di Gigi Squillante suona nel MOA, dove sono custoditi i preziosi scatti di Robert Capa, fotoreporter di guerra tra i più famosi e bravi di sempre.

E’ un suo scatto, gli occhi smarriti di una bambina immortalati in una sua foto a riaccendere la paura, a far rivivere i fantasmi di una guerra, il cui racconto si annida in ogni angolo del MOA per trovare poi la sua espressione più alta nella sala multimediale interattiva, dove i visitatori possono rivivere le fasi salienti degli avvenimenti bellici, che ebbero come scenario la Piana del Sele.

La serata inizierà a mezzanotte, ad esibirsi insieme a Gigi Squillante ci sarà dj Staniz,  poi “Ghost and Drum in cage” di Angelo Gramaglia, la performance teatrale “Mummy” di Giorgia Di Giacomo e quella visuale di Bibi the dreamer  – Berniero Bardascino – “Robert Capa - I fantasmi della guerra”.  

Per la regia di Lucia Lanzara e di Berniero Bardascino, il MOA ha anche fatto da set al video di lancio della serata, già disponibile sul web; tra strani effetti, suggestioni e tanta paura anticipa cosa sarà la notte del 31 ottobre.

Il museo – dichiara il direttore artistico del MOA Luigi Nobile - al centro del party, in una notte carica di paura, ma anche di tanta magia. Tutto parte da una foto e dalla creatività di coloro che hanno preso parte a questo progetto che incarna lo spirito del MOA, fatto di passione e di cultura allargata, di arti che si incontrano e si contaminano.

Ringrazio tutti i ragazzi che hanno lavorato a Ghost War, professionisti appassionati, che amano l’arte e attraverso di essa trovano espressione.

Più di cento eventi, in poco più di un anno, hanno riempito il nostro cartellone artistico, di questi circa settanta hanno raccontato la guerra e tanti  altri ancora sono in programma.”

L’evento è organizzato in collaborazione con Mo’art, Sophis, Monochrome art, Associazione Joystick. 

FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information